26 luglio 2017

Gli interessi degli italiani...



La sovranità popolare passa per uno stato democratico autorevole che sa far valere gli interessi nazionali.
Perchè attraverso gli interessi nazionali lo stato democratico fa rispettare le libertà e i diritti del suo popolo, anche dei ceti sociali più svantaggiati, e realizza la sua sovranità costituzionale.
L'idea, abnorme, che gli interessi nazionali possano essere "sciolti" in un presunto quadro europeo, con l'Europa panacea di tutti i mali, è del tutto errata perchè l'Unione europea non è garante di diritti.
La crisi dei migranti lo dimostra in modo inequivocabile: prevalgono gli egoismi nazionali.
Semmai nell'Unione europea viene realizzata l'idea di un mercato unico che fa gli interessi dei più forti e, in fondo, del grande capitale finanziario.
Chi dichiara di essere di Sinistra e continua a non essere capace di alcuna critica dell'Euro e dell'Unione europea fa dell'Italia una colonia asservita al mercato unico, e al pensiero unico, e diventa complice di un neoliberismo rapace che sta riducendo sempre di più gli spazi delle nostre libertà e sovranità popolari.
Abbiamo bisogno di affrancarci dalle politiche europee quando tali politiche sono ingiuste, sbagliate, dannose, anti-democratiche.
Il nostro Governo non è capace di politica estera indipendente e autorevole.
Di fatto, con l'insipienza, consegna l'Italia alle Destre. 
Visto che l'elettore, non vedendo differenze, finisce per votare gli originali di destra e non gli imitatori.
E' indegno, per chi ha a cuore il progresso democratico dell'Italia, eseguire ordini decisi fuori d'Italia pur di mantenersi alla guida del Paese.
E' immorale che si trascuri, perchè è stato detto "l'importante è vincere", il calo dei votanti alle elezioni e il disgusto per una politica che, da decenni, non rispetta il carattere centrale del nostro ordinamento statale: la fedeltà alla sovranità popolare.