29 marzo 2014

Dolce e chiara...


Dolce e chiara è la notte e senza vento,
E queta sovra i tetti e in mezzo agli orti
Posa la luna, e di lontan rivela
Serena ogni montagna. O donna mia,
Già tace ogni sentiero, e pei balconi
Rara traluce la notturna lampa:
Tu dormi, che t'accolse agevol sonno
Nelle tue chete stanze; e non ti morde
Cura nessuna; e già non sai né pensi
Quanta piaga m'apristi in mezzo al petto.
Tu dormi: io questo ciel, che sì benigno
Appare in vista, a salutar m'affaccio,
E l'antica natura onnipossente,
Che mi fece all'affanno. A te la speme
Nego, mi disse, anche la speme; e d'altro
Non brillin gli occhi tuoi se non di pianto.
Questo dì fu solenne: or da' trastulli
Prendi riposo; e forse ti rimembra
In sogno a quanti oggi piacesti, e quanti
Piacquero a te: non io, non già ch'io speri,
Al pensier ti ricorro. Intanto io chieggo
Quanto a viver mi resti, e qui per terra
Mi getto, e grido, e fremo. Oh giorni orrendi
In così verde etate! Ahi, per la via
Odo non lunge il solitario canto
Dell'artigian, che riede a tarda notte,
Dopo i sollazzi, al suo povero ostello;
E fieramente mi si stringe il core,
A pensar come tutto al mondo passa,
E quasi orma non lascia. Ecco è fuggito
Il dì festivo, ed al festivo il giorno
Volgar succede, e se ne porta il tempo
Ogni umano accidente. Or dov'è il suono
Di que' popoli antichi? or dov'è il grido
De' nostri avi famosi, e il grande impero
Di quella Roma, e l'armi, e il fragorio
Che n'andò per la terra e l'oceano?
Tutto è pace e silenzio, e tutto posa
Il mondo, e più di lor non si ragiona.
Nella mia prima età, quando s'aspetta
Bramosamente il dì festivo, or poscia
Ch'egli era spento, io doloroso, in veglia,
Premea le piume; ed alla tarda notte
Un canto che s'udia per li sentieri
Lontanando morire a poco a poco,
Già similmente mi stringeva il core.

Giacomo Leopardi.
1820.
Il secondo dei piccoli idilli è la contemplazione di una serena notte di luna: dopo l'animazione della festa il silenzio sovrasta e opprime il piccolo borgo. Il tempo scorre, l'esistenza rimane la stessa tutti i giorni: l'infelicità in amore, il quotidiano che si ripete incessante e monotono, l'assenza totale di un significato...

23 marzo 2014

La poesia di questa sera...

ISCINTA E SCALZA, CON LE TREZZE AVVOLTE

di Giovanni Boccaccio



Iscinta e scalza, con le trezze avvolte,
e d'uno scoglio in altro trapassando,
conche marine da quelli spiccando,
giva la donna mia con le altre molte.

E l'onde, quasi in sé tutte raccolte,
con picciol moto i bianchi piè bagnando,
innanzi si spingevan mormorando
e ritraènsi iterando le volte.

E se tal volta, forse di bagnarsi
temendo, i vestimenti in su tirava,
sì ch'io vedeo più della gamba schiuso,

oh, quali avria veduto allora farsi,
chi rimirato avesse dov'io stava,
gli occhi mia vaghi di mirar più suso!


Foto di Paolo GLS dalla finestra di casa

20 marzo 2014

La poesia di questa sera.


Attilio Bertolucci
Gli anni

Le mattine dei nostri anni perduti,
i tavolini nell'ombra soleggiata dell'autunno,
i compagni che andavano e tornavano, i compagni
che non tornarono più, ho pensato ad essi lietamente.
Perchè questo giorno di settembre splende
così incantevole nelle vetrine in ore
simili a quelle d'allora, quelle d'allora
scorrono ormai in un pacifico tempo,
la folla è uguale sui marciapiedi dorati,
solo il grigio e il lilla
si mutano in verde e rosso per la moda,
il passo è quello lento e gaio della provincia. 


15 marzo 2014

Quelli "per la famiglia tradizionale".


Quello che a me deprime di più dell'attuale situazione è il fatto che la gente non si scandalizza più.
Assuefatti.
Gli italiani sono assuefatti al male, al marcio.

Federica Gagliardi, la cosiddetta "Dama bianca", presunta fidanzata e portaborse di Berlusconi fino al 2010, è stata arrestata con 24 chili di cocaina, colta in flagrante delicto.
L'ex-premier, che l'aveva prescelta come collaboratrice strettissima anche agli incontri internazionali del G8, non ha ritenuto di dover dare spiegazioni e nessun giornalista italiano gli ha chiesto di dare spiegazioni.

Il marito dell'Alessandra Mussolini, Mauro Floriani, che è stato alto ufficiale della Guardia di Finanza, ha confessato di essere stato con una squillo minorenne limitandosi a dire che non sapeva che era minorenne. Ci andava sempre, ma non se ne era mai accorto. Anche lui grande difensore della famiglia cattolica tradizionale, come la moglie.

Che si vergognino tutti e due.

Carfagna, Casini, Fini, tutta la Destra, uno per uno, non se ne salva uno, tutti grandi difensori della famiglia cosiddetta "tradizionale", antiabortisti, cristiani (solo a chiacchiere), anti-gay, sono tutti separati e divorziati, cornuti, infedeli, traditi, puttane, puttanieri, con la Minetti ultra-siliconata, il corteo delle escort minorenni, con le Olgettine dall'affitto pagato da Arcore, tutte guidate alle feste strip tease dall'ex-premier Berlusconi, pluridivorziato anche lui, ripudiato dalla moglie Veronica Lario ai tempi di Ruby "nipote di Mubarak", condannato in tre gradi per una miliardaria evasione fiscale.

Per lo stesso reato l'ex-presidente del Bayern Monaco e ultra-miliardario Uli Hoeness andrà probabilmente in carcere ed ha già chiesto perdono, piangendo davanti alle telecamere tedesche, per aver tradito la fiducia di cittadini e tifosi.

In Italia, invece, l'ex-premier Berlusconi continua ad essere proprietario di metà Italia, nessuno si scandalizza e lui dice perfino che si presenterà alle prossime elezioni europee.
"In difesa della famiglia tradizionale, contro l'aborto, per la vera tradizione cattolica"...




12 marzo 2014

La poesia salva la vita.


Leggere una poesia al giorno fa bene. Salva la nostra vita. Questo è il secondo canto dell'Orlando Furioso. 
Bellissimo.

1
Ingiustissimo Amor, perché sì raro
corrispondenti fai nostri desiri?
onde, perfido, avvien che t’è sì caro
il discorde voler ch’in duo cor miri?
Gir non mi lasci al facil guado e chiaro,
e nel più cieco e maggior fondo tiri:
da chi disia il mio amor tu mi richiami,
e chi m’ha in odio vuoi ch’adori ed ami.
2
Fai ch’a Rinaldo Angelica par bella,
quando esso a lei brutto e spiacevol pare:
quando le parea bello e l’amava ella,
egli odiò lei quanto si può più odiare.
Ora s’affligge indarno e si flagella;
così renduto ben gli è pare a pare:
ella l’ha in odio, e l’odio è di tal sorte,
che piu tosto che lui vorria la morte.
3
Rinaldo al Saracin con molto orgoglio
gridò: – Scendi, ladron, del mio cavallo!
Che mi sia tolto il mio, patir non soglio,
ma ben fo, a chi lo vuol, caro costallo:
e levar questa donna anco ti voglio;
che sarebbe a lasciartela gran fallo.
Sì perfetto destrier, donna sì degna
a un ladron non mi par che si convegna. -
4
- Tu te ne menti che ladrone io sia
(rispose il Saracin non meno altiero):
chi dicesse a te ladro, lo diria
(quanto io n’odo per fama) più con vero.
La pruova or si vedrà, chi di noi sia
più degno de la donna e del destriero;
ben che, quanto a lei, teco io mi convegna
che non è cosa al mondo altra sì degna. -
5
Come soglion talor duo can mordenti,
o per invidia o per altro odio mossi,
avicinarsi digrignando i denti,
con occhi bieci e più che bracia rossi;
indi a’ morsi venir, di rabbia ardenti,
con aspri ringhi e ribuffati dossi:
così alle spade e dai gridi e da l’onte
venne il Circasso e quel di Chiaramonte.
6
A piedi è l’un, l’altro a cavallo: or quale
credete ch’abbia il Saracin vantaggio?
Né ve n’ha però alcun; che così vale
forse ancor men ch’uno inesperto paggio;
che ‘l destrier per istinto naturale
non volea fare al suo signore oltraggio:
né con man né con spron potea il Circasso
farlo a voluntà sua muover mai passo.
7
Quando crede cacciarlo, egli s’arresta;
E se tener lo vuole, o corre o trotta:
poi sotto il petto si caccia la testa,
giuoca di schiene, e mena calci in frotta.
Vedendo il Saracin ch’a domar questa
bestia superba era mal tempo allotta,
ferma le man sul primo arcione e s’alza,
e dal sinistro fianco in piede sbalza.
8
Sciolto che fu il pagan con leggier salto
da l’ostinata furia di Baiardo,
si vide cominciar ben degno assalto
d’un par di cavallier tanto gagliardo.
Suona l’un brando e l’altro, or basso or alto:
il martel di Vulcano era più tardo
ne la spelunca affumicata, dove
battea all’incude i folgori di Giove.
9
Fanno or con lunghi, ora con finti e scarsi
colpi veder che mastri son del giuoco:
or li vedi ire altieri, or rannicchiarsi,
ora coprirsi, ora mostrarsi un poco,
ora crescer inanzi, ora ritrarsi,
ribatter colpi e spesso lor dar loco,
girarsi intorno; e donde l’uno cede,
l’altro aver posto immantinente il piede.
10
Ecco Rinaldo con la spada adosso
a Sacripante tutto s’abbandona;
e quel porge lo scudo, ch’era d’osso,
con la piastra d’acciar temprata e buona.
Taglial Fusberta, ancor che molto grosso:
ne geme la foresta e ne risuona.
L’osso e l’acciar ne va che par di ghiaccio,
e lascia al Saracin stordito il braccio.
11
Quando vide la timida donzella
dal fiero colpo uscir tanta ruina,
per gran timor cangiò la faccia bella,
qual il reo ch’al supplicio s’avvicina;
né le par che vi sia da tardar, s’ella
non vuol di quel Rinaldo esser rapina,
di quel Rinaldo ch’ella tanto odiava,
quanto esso lei miseramente amava.
12
Volta il cavallo, e ne la selva folta
lo caccia per un aspro e stretto calle:
e spesso il viso smorto a dietro volta;
che le par che Rinaldo abbia alle spalle.
Fuggendo non avea fatto via molta,
che scontrò un eremita in una valle,
ch’avea lunga la barba a mezzo il petto,
devoto e venerabile d’aspetto.
13
Dagli anni e dal digiuno attenuato,
sopra un lento asinel se ne veniva;
e parea, più ch’alcun fosse mai stato,
di coscienza scrupolosa e schiva.
Come egli vide il viso delicato
de la donzella che sopra gli arriva,
debil quantunque e mal gagliarda fosse,
tutta per carità se gli commosse.
14
La donna al fraticel chiede la via
che la conduca ad un porto di mare,
perché levar di Francia si vorria,
per non udir Rinaldo nominare.
Il frate, che sapea negromanzia,
non cessa la donzella confortare
che presto la trarrà d’ogni periglio;
ed ad una sua tasca diè di piglio.
15
Trassene un libro, e mostrò grande effetto;
che legger non finì la prima faccia,
ch’uscir fa un spirto in forma di valletto,
e gli commanda quanto vuol ch’el faccia.
Quel se ne va, da la scrittura astretto,
dove i dui cavallieri a faccia a faccia
eran nel bosco, e non stavano al rezzo;
fra’ quali entrò con grande audacia in mezzo.
16
- Per cortesia (disse), un di voi mi mostre,
quando anco uccida l’altro, che gli vaglia:
che merto avrete alle fatiche vostre,
finita che tra voi sia la battaglia,
se ‘l conte Orlando, senza liti o giostre,
e senza pur aver rotta una maglia,
verso Parigi mena la donzella
che v’ha condotti a questa pugna fella?
17
Vicino un miglio ho ritrovato Orlando
che ne va con Angelica a Parigi,
di voi ridendo insieme, e motteggiando
che senza frutto alcun siate in litigi.
Il meglio forse vi sarebbe, or quando
non son più lungi, a seguir lor vestigi;
che s’in Parigi Orlando la può avere,
non ve la lascia mai più rivedere. -
18
Veduto avreste i cavallier turbarsi
a quel annunzio, e mesti e sbigottiti,
senza occhi e senza mente nominarsi,
che gli avesse il rival così scherniti;
ma il buon Rinaldo al suo cavallo trarsi
con sospir che parean del fuoco usciti,
e giurar per isdegno e per furore,
se giungea Orlando, di cavargli il core.
19
E dove aspetta il suo Baiardo, passa,
e sopra vi si lancia, e via galoppa,
né al cavallier, ch’a piè nel bosco lassa,
pur dice a Dio, non che lo ‘nviti in groppa.
L’animoso cavallo urta e fracassa,
punto dal suo signor, ciò ch’egli ‘ntoppa:
non ponno fosse o fiumi o sassi o spine
far che dal corso il corridor decline.
20
Signor, non voglio che vi paia strano
se Rinaldo or sì tosto il destrier piglia,
che già più giorni ha seguitato invano,
né gli ha possuto mai toccar la briglia.
Fece il destrier, ch’avea intelletto umano,
non per vizio seguirsi tante miglia,
ma per guidar dove la donna giva,
il suo signor, da chi bramar l’udiva.
21
Quando ella si fuggì dal padiglione,
la vide ed appostolla il buon destriero,
che si trovava aver voto l’arcione,
però che n’era sceso il cavalliero
per combatter di par con un barone,
che men di lui non era in arme fiero;
poi ne seguitò l’orme di lontano,
bramoso porla al suo signore in mano.
22
Bramoso di ritrarlo ove fosse ella,
per la gran selva inanzi se gli messe;
né lo volea lasciar montare in sella,
perché ad altro camin non lo volgesse.
Per lui trovò Rinaldo la donzella
una e due volte, e mai non gli successe;
che fu da Ferraù prima impedito,
poi dal Circasso, come avete udito.
23
Ora al demonio che mostrò a Rinaldo
de la donzella li falsi vestigi,
credette Baiardo anco, e stette saldo
e mansueto ai soliti servigi.
Rinaldo il caccia, d’ira e d’amor caldo,
a tutta briglia, e sempre invêr Parigi;
e vola tanto col disio, che lento,
non ch’un destrier, ma gli parrebbe il vento.
24
La notte a pena di seguir rimane,
per affrontarsi col signor d’Anglante:
tanto ha creduto alle parole vane
del messagger del cauto negromante.
Non cessa cavalcar sera e dimane,
che si vede apparir la terra avante,
dove re Carlo, rotto e mal condutto,
con le reliquie sue s’era ridutto:
25
e perché dal re d’Africa battaglia
ed assedio s’aspetta, usa gran cura
a raccor buona gente e vettovaglia,
far cavamenti e riparar le mura.
Ciò ch’a difesa spera che gli vaglia,
senza gran diferir, tutto procura:
pensa mandare in Inghilterra, e trarne
gente onde possa un novo campo farne:
26
che vuole uscir di nuovo alla campagna,
e ritentar la sorte de la guerra.
Spaccia Rinaldo subito in Bretagna,
Bretagna che fu poi detta Inghilterra.
Ben de l’andata il paladin si lagna:
non ch’abbia così in odio quella terra;
ma perché Carlo il manda allora allora,
né pur lo lascia un giorno far dimora.
27
Rinaldo mai di ciò non fece meno
volentier cosa; poi che fu distolto
di gir cercando il bel viso sereno
che gli avea il cor di mezzo il petto tolto:
ma, per ubidir Carlo, nondimeno
a quella via si fu subito volto,
ed a Calesse in poche ore trovossi;
e giunto, il dì medesimo imbarcossi.
28
Contra la voluntà d’ogni nocchiero,
pel gran desir che di tornare avea,
entrò nel mar ch’era turbato e fiero,
e gran procella minacciar parea.
Il Vento si sdegnò, che da l’altiero
sprezzar si vide; e con tempesta rea
sollevò il mar intorno, e con tal rabbia,
che gli mandò a bagnar sino alla gabbia.
29
Calano tosto i marinari accorti
le maggior vele, e pensano dar volta,
e ritornar ne li medesmi porti
donde in mal punto avean la nave sciolta.
- Non convien (dice il Vento) ch’io comporti
tanta licenza che v’avete tolta; -
e soffia e grida e naufragio minaccia,
s’altrove van, che dove egli li caccia.
30
Or a poppa, or all’orza hann’il crudele,
che mai non cessa, e vien più ognor crescendo:
essi di qua di là con umil vele
vansi aggirando, e l’alto mar scorrendo.
Ma perché varie fila a varie tele
uopo mi son, che tutte ordire intendo,
lascio Rinaldo e l’agitata prua,
e torno a dir di Bradamante sua.
31
Io parlo di quella inclita donzella,
per cui re Sacripante in terra giacque,
che di questo signor degna sorella,
del duca Amone e di Beatrice nacque.
La gran possanza e il molto ardir di quella
non meno a Carlo e a tutta Francia piacque
(che più d’un paragon ne vide saldo),
che ‘l lodato valor del buon Rinaldo.
32
La donna amata fu da un cavalliero
che d’Africa passò col re Agramante,
che partorì del seme di Ruggiero
la disperata figlia di Agolante:
e costei, che né d’orso né di fiero
leone uscì, non sdegnò tal amante;
ben che concesso, fuor che vedersi una
volta e parlarsi, non ha lor Fortuna.
33
Quindi cercando Bradamante gìa
l’amante suo, ch’avea nome dal padre,
così sicura senza compagnia,
come avesse in sua guardia mille squadre:
e fatto ch’ebbe al re di Circassia
battere il volto dell’antiqua madre,
traversò un bosco, e dopo il bosco un monte,
tanto che giunse ad una bella fonte.
34
La fonte discorrea per mezzo un prato,
d’arbori antiqui e di bell’ombre adorno,
Ch’i viandanti col mormorio grato
a ber invita e a far seco soggiorno:
un culto monticel dal manco lato
le difende il calor del mezzo giorno.
Quivi, come i begli occhi prima torse,
d’un cavallier la giovane s’accorse;
35
d’un cavallier, ch’all’ombra d’un boschetto,
nel margin verde e bianco e rosso e giallo
sedea pensoso, tacito e soletto
sopra quel chiaro e liquido cristallo.
Lo scudo non lontan pende e l’elmetto
dal faggio, ove legato era il cavallo;
ed avea gli occhi molli e ‘l viso basso,
e si mostrava addolorato e lasso.
36
Questo disir, ch’a tutti sta nel core,
de’ fatti altrui sempre cercar novella,
fece a quel cavallier del suo dolore
la cagion domandar da la donzella.
Egli l’aperse e tutta mostrò fuore,
dal cortese parlar mosso di quella,
e dal sembiante altier, ch’al primo sguardo
gli sembrò di guerrier molto gagliardo.
37
E cominciò: – Signor, io conducea
pedoni e cavallieri, e venìa in campo
là dove Carlo Marsilio attendea,
perch’al scender del monte avesse inciampo;
e una giovane bella meco avea,
del cui fervido amor nel petto avampo:
e ritrovai presso a Rodonna armato
un che frenava un gran destriero alato.
38
Tosto che ‘l ladro, o sia mortale, o sia
una de l’infernali anime orrende,
vede la bella e cara donna mia;
come falcon che per ferir discende,
cala e poggia in un atimo, e tra via
getta le mani, e lei smarrita prende.
Ancor non m’era accorto de l’assalto,
che de la donna io senti’ il grido in alto.
39
Così il rapace nibio furar suole
il misero pulcin presso alla chioccia,
che di sua inavvertenza poi si duole,
e invan gli grida, e invan dietro gli croccia.
Io non posso seguir un uom che vole,
chiuso tra’ monti, a piè d’un’erta roccia:
stanco ho il destrier, che muta a pena i passi
ne l’aspre vie de’ faticosi sassi.
40
Ma, come quel che men curato avrei
vedermi trar di mezzo il petto il core,
lasciai lor via seguir quegli altri miei,
senza mia guida e senza alcun rettore:
per li scoscesi poggi e manco rei
presi la via che mi mostrava Amore,
e dove mi parea che quel rapace
portassi il mio conforto e la mia pace.
41
Sei giorni me n’andai matina e sera
per balze e per pendici orride e strane,
dove non via, dove sentier non era,
dove né segno di vestigie umane;
poi giunsi in una valle inculta e fiera,
di ripe cinta e spaventose tane,
che nel mezzo s’un sasso avea un castello
forte e ben posto, a maraviglia bello.
42
Da lungi par che come fiamma lustri,
né sia di terra cotta, né di marmi.
Come più m’avicino ai muri illustri,
l’opra più bella e più mirabil parmi.
E seppi poi, come i demoni industri,
da suffumigi tratti e sacri carmi,
tutto d’acciaio avean cinto il bel loco,
temprato all’onda ed allo stigio foco.
43
Di sì forbito acciar luce ogni torre,
che non vi può né ruggine né macchia.
Tutto il paese giorno e notte scorre,
E poi là dentro il rio ladron s’immacchia.
Cosa non ha ripar che voglia torre:
sol dietro invan se li bestemia e gracchia.
Quivi la donna, anzi il mio cor mi tiene,
che di mai ricovrar lascio ogni spene.
44
Ah lasso! che poss’io più che mirare
la rocca lungi, ove il mio ben m’è chiuso?
come la volpe, che ‘l figlio gridare
nel nido oda de l’aquila di giuso,
s’aggira intorno, e non sa che si fare,
poi che l’ali non ha da gir là suso.
Erto è quel sasso sì, tale è il castello,
che non vi può salir chi non è augello.
45
Mentre io tardava quivi, ecco venire
duo cavallier ch’avean per guida un nano,
che la speranza aggiunsero al desire;
ma ben fu la speranza e il desir vano.
Ambi erano guerrier di sommo ardire:
era Gradasso l’un, re sericano;
era l’altro Ruggier, giovene forte,
pregiato assai ne l’africana corte.
46
- Vengon (mi disse il nano) per far pruova
di lor virtù col sir di quel castello,
che per via strana, inusitata e nuova
cavalca armato il quadrupede augello. -
- Deh, signor (diss’io lor), pietà vi muova
del duro caso mio spietato e fello!
Quando, come ho speranza, voi vinciate,
vi prego la mia donna mi rendiate. -
47
E come mi fu tolta lor narrai,
con lacrime affermando il dolor mio.
Quei, lor mercé, mi proferiro assai,
e giù calaro il poggio alpestre e rio.
Di lontan la battaglia io riguardai,
pregando per la lor vittoria Dio.
Era sotto il castel tanto di piano,
quanto in due volte si può trar con mano.
48
Poi che fur giunti a piè de l’alta rocca,
l’uno e l’ altro volea combatter prima;
pur a Gradasso, o fosse sorte, tocca,
o pur che non ne fe’ Ruggier più stima.
Quel Serican si pone il corno a bocca:
rimbomba il sasso e la fortezza in cima.
Ecco apparire il cavalliero armato
fuor de la porta, e sul cavallo alato.
49
Cominciò a poco a poco indi a levarse,
come suol far la peregrina grue,
che corre prima, e poi vediamo alzarse
alla terra vicina un braccio o due;
e quando tutte sono all’aria sparse,
velocissime mostra l’ale sue.
Sì ad alto il negromante batte l’ale,
ch’a tanta altezza a pena aquila sale.
50
Quando gli parve poi, volse il destriero,
che chiuse i vanni e venne a terra a piombo,
come casca dal ciel falcon maniero
che levar veggia l’anitra o il colombo.
Con la lancia arrestata il cavalliero
l’aria fendendo vien d’orribil rombo.
Gradasso a pena del calar s’avede,
che se lo sente addosso e che lo fiede.
51
Sopra Gradasso il mago l’asta roppe;
ferì Gradasso il vento e l’aria vana:
per questo il volator non interroppe
il batter l’ale, e quindi s’allontana.
Il grave scontro fa chinar le groppe
sul verde prato alla gagliarda alfana.
Gradasso avea una alfana, la più bella
e la miglior che mai portasse sella.
52
Sin alle stelle il volator trascorse;
indi girossi e tornò in fretta al basso,
e percosse Ruggier che non s’accorse,
Ruggier che tutto intento era a Gradasso.
Ruggier del grave colpo si distorse,
e ‘l suo destrier più rinculò d’un passo;
e quando si voltò per lui ferire,
da sé lontano il vide al ciel salire.
53
Or su Gradasso, or su Ruggier percote
ne la fronte, nel petto e ne la schiena,
e le botte di quei lascia ognor vote,
perché è sì presto, che si vede a pena.
Girando va con spaziose rote,
e quando all’uno accenna, all’altro mena:
all’uno e all’altro sì gli occhi abbarbaglia,
che non ponno veder donde gli assaglia.
54
Fra duo guerrieri in terra ed uno in cielo
la battaglia durò sino a quella ora,
che spiegando pel mondo oscuro velo,
tutte le belle cose discolora.
Fu quel ch’io dico, e non v’aggiungo un pelo:
io ‘l vidi, i’ ‘l so: né m’assicuro ancora
di dirlo altrui; che questa maraviglia
al falso più ch’al ver si rassimiglia.
55
D’un bel drappo di seta avea coperto
lo scudo in braccio il cavallier celeste.
Come avesse, non so, tanto sofferto
di tenerlo nascosto in quella veste;
ch’immantinente che lo mostra aperto,
forza è, ch’il mira, abbarbagliato reste,
e cada come corpo morto cade,
e venga al negromante in potestade.
56
Splende lo scudo a guisa di piropo,
e luce altra non è tanto lucente.
Cadere in terra allo splendor fu d’uopo
con gli occhi abbacinati, e senza mente.
Perdei da lungi anch’io li sensi, e dopo
gran spazio mi riebbi finalmente;
né più i guerrier né più vidi quel nano,
ma vòto il campo, e scuro il monte e il piano.
57
Pensai per questo che l’incantatore
avesse amendui colti a un tratto insieme,
e tolto per virtù de lo splendore
la libertade a loro, e a me la speme.
Così a quel loco, che chiudea il mio core,
dissi, partendo, le parole estreme.
Or giudicate s’altra pena ria,
che causi Amor, può pareggiar la mia. -
58
Ritornò il cavallier nel primo duolo,
fatta che n’ebbe la cagion palese.
Questo era il conte Pinabel, figliuolo
d’Anselmo d’Altaripa, maganzese;
che tra sua gente scelerata, solo
leale esser non volse né cortese,
ma ne li vizi abominandi e brutti
non pur gli altri adeguò, ma passò tutti.
59
La bella donna con diverso aspetto
stette ascoltando il Maganzese cheta;
che come prima di Ruggier fu detto,
nel viso si mostrò più che mai lieta:
ma quando sentì poi ch’era in distretto,
turbossi tutta d’amorosa pieta;
né per una o due volte contentosse
che ritornato a replicar le fosse.
60
E poi ch’al fin le parve esserne chiara,
gli disse: – Cavallier, datti riposo,
che ben può la mia giunta esserti cara,
parerti questo giorno aventuroso.
Andiam pur tosto a quella stanza avara,
che sì ricco tesor ci tiene ascoso;
né spesa sarà invan questa fatica,
se fortuna non m’è troppo nemica. -
61
Rispose il cavallier: – Tu vòi ch’io passi
di nuovo i monti, e mostriti la via?
A me molto non è perdere i passi,
perduta avendo ogni altra cosa mia;
ma tu per balze e ruinosi sassi
cerchi entrar in pregione; e così sia.
Non hai di che dolerti di me, poi
ch’io tel predico, e tu pur gir vi vòi. -
62
Così dice egli, e torna al suo destriero,
e di quella animosa si fa guida,
che si mette a periglio per Ruggiero,
che la pigli quel mago o che la ancida.
In questo, ecco alle spalle il messaggero,
ch’: – Aspetta, aspetta! – a tutta voce grida,
il messagger da chi il Circasso intese
che costei fu ch’all’erba lo distese.
63
A Bradamante il messagger novella
di Mompolier e di Narbona porta,
ch’alzato gli stendardi di Castella
avean, con tutto il lito d’Acquamorta;
e che Marsilia, non v’essendo quella
che la dovea guardar, mal si conforta,
e consiglio e soccorso le domanda
per questo messo, e se le raccomanda.
64
Questa cittade, e intorno a molte miglia
ciò che fra Varo e Rodano al mar siede,
avea l’imperator dato alla figlia
del duca Amon, in ch’avea speme e fede;
però che ‘l suo valor con maraviglia
riguardar suol, quando armeggiar la vede.
Or, com’io dico, a domandar aiuto
quel messo da Marsilia era venuto.
65
Tra sì e no la giovane suspesa,
di voler ritornar dubita un poco:
quinci l’onore e il debito le pesa,
quindi l’incalza l’amoroso foco.
Fermasi al fin di seguitar l’impresa,
e trar Ruggier de l’incantato loco;
e quando sua virtù non possa tanto,
almen restargli prigioniera a canto.
66
E fece iscusa tal, che quel messaggio
parve contento rimanere e cheto.
Indi girò la briglia al suo viaggio,
con Pinabel che non ne parve lieto;
che seppe esser costei di quel lignaggio
che tanto ha in odio in publico e in secreto:
e già s’avisa le future angosce,
se lui per maganzese ella conosce.
67
Tra casa di Maganza e di Chiarmonte
era odio antico e inimicizia intensa;
e più volte s’avean rotta la fronte,
e sparso di lor sangue copia immensa:
e però nel suo cor l’iniquo conte
tradir l’incauta giovane si pensa;
o, come prima commodo gli accada,
lasciarla sola, e trovar altra strada.
68
E tanto gli occupò la fantasia
il nativo odio, il dubbio e la paura,
ch’inavedutamente uscì di via:
e ritrovossi in una selva oscura,
che nel mezzo avea un monte che finia
la nuda cima in una pietra dura;
e la figlia del duca di Dordona
gli è sempre dietro, e mai non l’abandona.
69
Come si vide il Maganzese al bosco,
pensò tôrsi la donna da le spalle.
Disse: – Prima che ‘l ciel torni più fosco,
verso un albergo è meglio farsi il calle.
Oltra quel monte, s’io lo riconosco,
siede un ricco castel giù ne la valle.
Tu qui m’aspetta; che dal nudo scoglio
certificar con gli occhi me ne voglio. -
70
Così dicendo, alla cima superna
del solitario monte il destrier caccia,
mirando pur s’alcuna via discerna,
come lei possa tor da la sua traccia.
Ecco nel sasso truova una caverna,
che si profonda più di trenta braccia.
Tagliato a picchi ed a scarpelli il sasso
scende giù al dritto, ed ha una porta al basso.
71
Nel fondo avea una porta ampla e capace,
ch’in maggior stanza largo adito dava;
e fuor n’uscìa splendor, come di face
ch’ardesse in mezzo alla montana cava.
Mentre quivi il fellon suspeso tace,
la donna, che da lungi il seguitava
(perché perderne l’orme si temea),
alla spelonca gli sopragiungea.
72
Poi che si vide il traditore uscire,
quel ch’avea prima disegnato, invano,
o da sé torla, o di farla morire,
nuovo argumento imaginossi e strano.
Le si fe’ incontra, e su la fe’ salire
là dove il monte era forato e vano;
e le disse ch’avea visto nel fondo
una donzelIa di viso giocondo.
73
Ch’a’ bei sembianti ed alla ricca vesta
esser parea di non ignobil grado;
ma quanto più potea turbata e mesta,
mostrava esservi chiusa suo mal grado:
e per saper la condizion di questa,
ch’avea già cominciato a entrar nel guado;
e ch’era uscito de l’interna grotta
un che dentro a furor l’avea ridotta.
74
Bradamante, che come era animosa,
così mal cauta, a Pinabel diè fede;
e d’aiutar la donna, disiosa,
si pensa come por colà giù il piede.
Ecco d’un olmo alla cima frondosa
volgendo gli occhi, un lungo ramo vede;
e con la spada quel subito tronca,
e lo declina giù ne la spelonca.
75
Dove è tagliato, in man lo raccomanda
a Pinabello, e poscia a quel s’apprende:
prima giù i piedi ne la tana manda,
e su le braccia tutta si suspende.
Sorride Pinabello, e le domanda
come ella salti; e le man apre e stende,
dicendole: – Qui fosser teco insieme
tutti li tuoi, ch’io ne spegnessi il seme! -
76
Non come volse Pinabello avvenne
de l’innocente giovane la sorte;
perché, giù diroccando a ferir venne
prima nel fondo il ramo saldo e forte.
Ben si spezzò, ma tanto la sostenne,
che ‘l suo favor la liberò da morte.
Giacque stordita la donzella alquanto,
come io vi seguirò ne l’altro canto.

6 marzo 2014

I commenti di oggi al post sulla Grande Bellezza.



Come sempre ricevo tanti messaggi mail (e pochi commenti direttamente su questo blog). 
Le persone preferiscono dire le cose in privato.
Inoltre i commenti sono spesso sotto pseudonimo. 
Questo è uno degli aspetti più deprimenti dell'Italia di oggi: non si riesce a parlare, con nome e cognome, neanche di un film.
Sono molti che chiacchierano e chiacchierano, ma mai si prendono la responsabilità di ciò che dicono... 

Comunque alcuni messaggi ricevuti sono interessanti:
un amico, giornalista free-lance che vive all'estero, mi scrive:

"Stavo pensando di scrivere al NYTimes per richiedere il ritiro del nostro oscar..."

Un altro amico mi scrive e mi manda il suo link, con nome e cognome:

"Grazie, hai esplicitato delle cose su cui sono del tutto d'accordo purtroppo.

Ho ricevuto una dozzina di mail dello stesso tono: italiani delusi per la condizione che viviamo, colpiti dalla tragica rappresentazione che dà il film di Sorrentino, e preoccupati per il grullo compiacimento con cui è stato accolto.

Un messaggio dice:
"Il film è una vergogna nazionale. Nessuno discute della sua qualità estetica, ma chiunque, vedendolo, se è italiano dovrebbe sentire solo vergogna. 
Se è straniero provare pena per noi italiani. Che depressione."

Un altro scrive:
"Se non avesse vinto l'Oscar non gliene fregava niente a nessuno. Quando l'ho visto io c'era gente che dormiva in sala"

Solo uno, di Roma, mi scrive:
"Mi dispiace, ma a parer mio e di diversi miei amici il film è BELLISSIMO e racconta ciò che è la vita, come dice il protagonista alla fine. Forse il film è un po' lento: ma questa è questione di estetica."

No comment...

Leggi anche i commenti al post del 4 marzo 2014 (nella finestra commenti 4 marzo 2014).

4 marzo 2014

La Grande Bellezza.


Non c'è niente di cui rallegrarsi, come italiani, per l'Oscar dato alla Grande Bellezza.
La Grande Bellezza è un film di una tristezza infinita.

Un film che non lascia speranze sulle sorti dell'Italia di oggi perchè ritrae una società indirizzata, senza alcun battito d'ala, verso una decadenza senza fine, verso un irrevocabile destino di decadimento morale, civile e culturale.
Balli e ballerine, puttane e puttanieri, feste folk e horror, moderni buffoni e personaggi che hanno il solo scopo di coltivare ossessivamente il senso della propria inutilità.


Tutto dominato da volgarità, cinismo, spregiudicatezza, totale assenza di valori.
Normale che abbia vinto l'Oscar del sistema cinema americano.

Anzi, era scontato che il film di Sorrentino vincesse. 
Era scontato perchè l'Italia vince l'Oscar ogni volta che produce un film in cui noi italiani facciamo esattamente quello che si aspettano gli americani, ma anche gli inglesi, da noi italiani: 
i guitti, i poveracci, i clown, i non-soldati, gli strani, gli ultimi rappresentanti della "dolce vita"e tutti gli stereotipi che americani e inglesi hanno sugli italiani.
E' stato così per Mediterraneo, di Salvatores; per Nuovo Cinema Paradiso, di Tornatore; per La vita è bella, di Benigni, solo per citare i film più recenti.
La Grande Bellezza coincide perfettamente con gli stereotipi degli anglosassoni sugli italiani. E' prevedibile che rafforzi tali stereotipi.

Italiani pazzi e scapigliati, amanti della bellezza decadente che ormai alberga permanente nelle nostre città come forma di sopravvivenza all'orrore della realtà quotidiana.

Come se rimanesse solo una possibile redenzione estetica, con le giacche bianchissime o coloratissime di Toni Servillo, i supponenti mocassini di pelle pregiata, i salotti terrazzati delle case patrizie, in una cornice di definitiva decadenza e feroce incapacità di dare un senso ad una vita fatta solo di arida insignificanza.
Non c'è altro che la solitudine dei personaggi flaubertiani, il deserto dei sentimenti, la rassegnazione pirandelliana allo sfacelo e al dramma.

La città di Roma, nella realtà, vive nell'abbandono di tanti, troppi, suoi abitanti, vede il razzismo e l'intolleranza tornare nelle periferie più brutte d'Europa, l'inciviltà della maleducazione quotidiana, il degrado, la supponenza provinciale fatta regola metropolitana. 


E' lecito consolarci con le immagini struggenti della Grande Bellezza del centro storico di Roma, sature di colori ocra e di tragedia imminente, livide e scure, o rosse e pompeiane come le mura antiche che crollano?

Roma è bellissima, ma, come scriverebbe sul suo spartito Giuseppe Verdi, e come ci ricorda Sorrentino, definitivamente perduta.

Il film mostra un'acuta capacità di espressione lirica,  la bellezza malinconica delle sue immagini fosche e straordinarie, la consueta interpretazione strepitosa del grande Toni Servillo.

Ma non è il miglior film di Sorrentino.
E non è un'immagine positiva per l'Italia.
E' l'esatto opposto: una sorta di manifesto amaro, forse perfino troppo compiaciuto, dell'ultimo atto testamentario di un'intera società.
La nostra.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
PAOLO GIUNTA LA SPADA 


(continua)